Cosa fa l’urologo ?


L’urologo si occupa della prevenzione, diagnosi e cura delle malattie dell’apparato urinario e dell’apparato genitale maschile.

Quando bisogna rivolgersi ad un urologo ?

Non bisogna aspettare sintomi particolari. Se un soggetto di sesso maschile ha raggiunto i 50 anni, anche se gode di completo benessere e non accusa alcun disturbo, deve rivolgersi ad un urologo per una visita preventiva una volta all’anno.

Quali sono i disturbi principali che devono portare all’attenzione di un urologo ?

- difficoltà, bruciori o dolori quando si urina
- la presenza di sangue nelle urine
- la perdita involontaria di urine
- la presenza di dolori da far risalire ad un organo del tratto urinario o genitale maschile
- problemi nella sfera sessuale
- la scoperta incidentale durante un’indagine radiologica eseguita per altri motivi, di un’alterazione di un organo dell’apparato urinario o genitale maschile

Quali sono le indagini diagnostiche di cui l’urologo fa uso ?

- L’esplorazione rettale per la palpazione digitale della prostata
- L’esame degli organi genitali maschili
- L’esame delle urine
- L’esame del sangue del PSA (Antigene Prostatico Specifico)
- L’ecografia di reni, vescica, prostata e testicoli
- L’uroflussimetria, ovvero la misurazione della velocità del getto urinario